Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Post on Theatre


Il Teatro Italia fa rivivere i drammi classici portando in scena “Medea” con Pamela Villoresi e David Sebasti

Pubblicato da postontheatre su 9 Dicembre 2011, 02:09am

Tags: #Recensioni

 

medea.jpgdi Luca Nigro

Le tragedie classiche vengono considerate distanti nel tempo, poco rappresentative della realtà contemporanea. Con alcuni accorgimenti ed adattamenti testuali i drammi ripresi dalla mitologia greca assumo caratteri più attuali che raffigurano puntualmente quanto avviene quotidianamente. Lo spettacolo inscenato al Teatro Italia di Roma dall’8 al 18 dicembre, “Medea” di Euripide, adattato da Michele di Martino e Maurizio Panici, il quale ne ha curato brillantemente la regia e ha interpretato eccezionalmente il ruolo di Egeo, è un calzante esempio di come la classicità di un’opera non ne mini la capacità di raccontare il presente.

Sul palcoscenico una scenografia accurata e sobria, ricca di colori caldi, suggestivi ed intensi, fa da sfondo ai gesti e alle parole di Pamela Villoresi, straordinaria nelle vesti di una sempiterna Medea, e di David Sebasti, attento a restituire la giusta autenticità a Giasone. La storia di una donna che per punire l’uomo che le ha voltato le spalle decide di togliere la vita ai suoi stessi figli per distruggere la stirpe di chi le ha inflitto dolore oggi può essere letta sotto una nuova luce. In quella tragica occasione, infatti, una donna ha dimostrato quanto può essere distruttiva la volontà di una moglie umiliata e tradita dal suo uomo. Questa rivisitazione della celeberrima tragedia euripidea, seppur leggermente meno forte dell’originale, coinvolge pienamente il pubblico, che resta quasi esterrefatto dalla poderosa carica passionale di Pamela Villoresi.

Quando si decide di rappresentare un’opera così nota si deve tener ben presente che si va incontro ad un confronto con versioni precedenti molto stimate e celebrate, quindi è necessario introdurre elementi innovativi. Perseguendo questo fine, astutamente Maurizio Panici si è affidato alla stupenda voce di Evelina Meghnagi, la quale dimostra di essere a pieno titolo una delle maggiori interpreti della musica etnico-classica mediterranea. In un cast nutrito di grandi nomi è sempre difficile notare, eppure grazie al suo talento Andrea Bacci, interprete del ruolo minore del messaggero, riesce a restare impresso nella memoria degli spettatori. I puristi del genere potrebbero avere qualche motivo per storcere il naso, ma senza alcun dubbio questa è un opera dall’elevato valore artistico.

 

Commenta il post

Archivi blog

Post recenti