Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Post on Theatre


“Un giorno lungo un anno” di Claudio Morici conquista il pubblico del Teatro delle Muse

Pubblicato da postontheatre su 11 Dicembre 2011, 02:13am

Tags: #Recensioni

 

un-giorno-lungo-un-anno.jpgdi Luca Nigro

Lo scorso secolo è stato un periodo bellicoso e terribile, durante il quale gli autoritarismi e le guerre l’hanno fatta da padroni. Gli italiani sono stati scossi dalle due guerre mondiali, soprattutto perché la prima si è svolta sul territorio italiano mentre la seconda, al suo termine, è sfociata in una cruenta guerra civile. Due date scuotono ancora oggi gli animi di molti italiani, in particolare i Romani: il 19luglio1943 e il 24marzo1944. In quel lontano giorno di un’afosa estate romana la capitale d’Italia fu bombardata dagli aerei statunitensi mentre il 24 marzo 1944 è tristemente noto per l’eccidio delle Fosse Ardeatine. Lo spettacolo “Un giorno lungo un anno” di Claudio Morici racconta quegli eventi e li mostra al pubblico attraverso la storia di una famiglia semplice, comune, che affronta la guerra e le privazioni che ne derivano con forza e non poca ironia.

Il nucleo familiare nel quale siamo introdotti è quello di Cesare, padre di famiglia buono e sognatore interpretato dallo stesso Morici, Anna, moglie e madre di due figli che per i propri cari non si risparmia scadendo anche nell’illegalità e portata in scena intensamente dalla straordinaria Maria Teresa Di Gennaro, Enrichetto e Giuliana, i due giovani figli che hanno il volto di Patrizio Paciullo e Patrizia Perotta, e il nonno Rocco, al quale un ottimo Nanni Candelari regala una maestosa statura artistica. Intorno a questa modesta famiglia ruotano una serie di personaggi che portano tensione, gioia, in alcuni casi guai e dubbi. Una famiglia ebrea, un prete misterioso ed enigmatico, un ufficiale tedesco minaccioso, un amico di Enrichetto invischiato in traffici illeciti e pericolosi ed un portiere impiccione ma leale è l’intero universo microcosmo coinvolto in questa interessante narrazione ideata dal bravissimo Morici. Gli elementi della tradizione teatrale italiano sono perfettamente ravvisabili, come evidenti sono i riferimenti a “Napoli milionaria” di De Filippo ed a “Roma città aperta” di Rossellini.

La pièce di Claudio Morici, avvalendosi della partecipazione di attori di primissimo livello come i già citati Candelari, Di Gennaro, ma anche di Angelo De Angelis, magistrale nel difficile ruolo del parroco, può essere considerato uno splendido esempio di teatro civile e storico. Un racconto fluido e ben strutturato, che trasporta il pubblico lungo l’intera gamma emozionale umana, perfetto per riportare alla memoria degli eventi che troppo spesso rischiano di essere sommersi.

 

Commenta il post

Archivi blog

Post recenti