Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Post on Theatre


Il Teatro Italia apre la stagione con “L’ultimo degli amanti focosi” di Neil Simon

Pubblicato da postontheatre su 5 Ottobre 2011, 01:36am

Tags: #Recensioni

http://www.miapavia.it/i/spettacoli/2010/focosi_g.jpgdi Luca Nigro

Il pubblico delle grandi occasioni ha accolto con entusiasmo e trasporto il primo spettacolo della stagione del Teatro Italia, la commedia “L’ultimo degli amanti focosi” del famoso drammaturgo statunitense Neil Simon, creatore de “La strana coppia”. La spumeggiante messinscena, diretta dall’esperto e prolifico Silvio Giordani, sarà ospitata dal teatro di via Bari fino al 16 Ottobre e di certo non deluderà coloro i quali vorranno osservare quanta ironica tenerezza può celarsi nei tentativi di adulterio di un uomo di mezz’età goffo fin quasi all’inverosimile, che prova a smuovere le acque della sua vita perfettamente tranquilla.

La trama è meravigliosamente coinvolgente nella sua semplicità. Bernardo Mazzetta, interpretato dal maestoso Pietro Longhi, è il proprietario di un ristorantino ben avviato il quale, dopo ventitré anni di matrimonio e cinque figli, decide di dare una scossa alla sua esistenza cercando un’ “evasione amorosa”. In questa sua ricerca il ristoratore impacciato ed inesperto si imbatte in tre donne, Emma, Roberta e Giannina, portate in scena dalla straordinaria Paola Quattrini, tanto diverse tra loro da essere complementari. Le tre esperienze extraconiugali, tanto terribili quanto esilaranti, portano ad un nulla di fatto, tanto che il povero Bernardo, frustrato sia sessualmente che sentimentalmente, rinsavisce e telefona all’unica donna che davvero desidera.

L’opera in tre atti vede susseguirsi una serie di scenette comiche esaltate dalla bravura della coppia di attori, la cui esperienza regala prestigio alla pur pregevole creazione del commediografo americano. Sul palcoscenico la genuina verve comica di Pietro Longhi e la versatile espressività dell’eccellente Paola Quattrini si mescolano fino a dar vita ad un amalgama quasi perfetta. I due attori in scena si comportano come una coppia ben rodata, alla quale la regia di Silvio Giordani detta il giusto ritmo. Il regista ha anche il merito di aver saputo sfruttare al meglio la duttilità della Quattrini, autrice di una triplice prova di altissimo livello. La pièce è un’ottima presentazione della stagione 2011-2012 del Teatro Italia, un programma che si preannuncia ricco di spettacoli interessanti e sorprendenti.

Commenta il post

Archivi blog

Post recenti